DURA CONDANNA DI ANGSA PER IL LOGOPEDISTA ACCUSATO DI MALTRATTAMENTI

L’Angsa (Associazione nazionale genitori soggetti autistici) esprime dura condanna per l’episodio del logopedista di Milazzo sospeso per maltrattamenti nei confronti dei piccoli pazienti in cura all’A.I.A.S.

“L’episodio di violenza sui bambini autistici nella provincia di Messina – spiega la presidente Benedetta Demartis – è deplorevole e sottolinea l’urgenza di normative severe per coloro che non riescono ad esprimere e a denunciare i soprusi subiti. Ai genitori dei piccoli pazienti va il mio sostegno più totale. Gli stessi genitori, avendo notato alcune anomalie nei comportamenti dei loro figli in occasione dei momenti in cui gli stessi si sarebbero dovuti recare presso la struttura per effettuare la terapia, hanno segnalato alle autorità competenti i disturbi. Le intercettazioni ambientali infatti hanno appurato che i malesseri dei balmbini e le preoccupazioni dei loro genitori non erano affatto prive di fondamento. I piccoli infatti chiudendosi in un mutismo anomalo non sono mai stati in grado di parlare e di riferire le violenze subite. Dopo questo grave fatto l’Angsa chiede maggiori controlli  nelle strutture, che dovrebbero accertarsi non solo della professionalità, ma anche della formazione del personale impiegato. Sono vicina a queste famiglie colpite da un fatto inaccettabile e spero possano ritrovare la fiducia e la speranza. Molti dei nostri genitori, che vivono quotidianamente l’autismo attraverso le associazioni come Angsa, hanno condotto in questi anni storiche battaglie per il raggiungimento di grandi cambiamenti: dalla conquista delle Linee Guida, alla Legge del 2015 ai Lea e nella regione Sicilia, dopo questa brutta pagina è necessario fare quadrato per decidere un’azione forte e coesa per scongiurare che altri episodi simili possano ripetersi”.

Novara, 25 Giugno 2019

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *