Autismo: 16 consigli per le persone con un’ amica/o Asperger

1) Non alleggerire o ingrandire le parole

Le persone Asperger prendono a cuore e alla lettera tutto cio’ che gli viene detto . A meno che tu non lo stia pensando, non dirgli: “ Io sono tuo amico “. Un semplice conoscente e un vero amico, fa la differenza. Si sentirà ferito quando realizzerà che non lo pensi davvero.

2) Non forzare il contatto oculare

Per un Asperger, il contatto oculare a volte è imbarazzante. Potresti avere l’impressione di non essere ascoltato mentre lo sei. Puoi chiedergli “ Mi stai ascoltando ? Invece di “ Guardami “ che potrebbe mettere l’Aspie a disagio, pregiudicando un’ interazione futura con voi.

(Il contatto visivo è una norma sociale, un segno di attenzione, franchezza e rispetto dell’interlocutore. Tuttavia, questa interpretazione non è una verità. In alcune neuro-diversità, il contatto oculare rende complessa l’interpretazione del messaggio, a causa della grande quantità di informazioni visive aggiunte al discorso).

3) Evitare il contatto fisico non consentito

A meno che non sia preparata, una persona con sindrome di Asperger non sopporta di essere toccata. In ogni caso, è necessario formulare la richiesta di contatto e rispettare il suo rifiuto.

(Questo è un punto rivolto a tutti, sia neurodiversi che neurotipici. La considerazione dell’altro è il rispetto della propria integrità fisica, emotiva e psicologica. In una società in cui bambini e adulti sono sottoposti a un’ingiunzione al contatto (baci, strette di mano, …), questo argomento dovrebbe essere un apprendimento di base. Noi soli dobbiamo disporre del nostro corpo. Questi contatti fisici non dovrebbero piu’ essere considerati un obbligo sociale).

4) Rispondere ai messaggi

Per quanto possibile rispondi ai messaggi. Se tuttavia non vuoi discutere o trovi che il momento sia inopportuno, prenditi la briga di dirglielo in modo conciso e cortese. Cio’ eviterà al tuo amico/a di stressarsi troppo o di preoccuparsi del fatto che tu sia arrabbiato/a o altro.

5) Non dire di fare piu’ sforzi

Non dire “ Quando vogliamo, possiamo ! “ . Una persona Asperger consapevole dei suoi fallimenti nelle interazioni sociali, compie enormi sforzi per cercare di superarli. Colpevolizzarli per un errore sociale o un fraintendimento, significherebbe rigirare il coltello nella piaga.

(Le specificità inerenti all’autismo in particolare per quello che riguarda le interazioni sociali possono diventare un ostacolo di fronte al disadattamento all’ambiente circostante. Sia in termini sensoriali, modificazione delle routine, … Una persona con autismo compie enormi sforzi per cercare di adattarsi alla vita quotidiana. Ecco il motivo per cui è importante capire la necessità d’inclusione delle persone neurodiverse, invece dell’integrazione. Inclusione significa accettazione e considerazione della persona, delle sue specificità e dei suoi bisogni. Quindi la persona con autismo non è piu’ l’unica a fare sforzi. Te e la società potete fare un passo verso la comprensione dell’altro).

6) Dare la giusta considerazione al tuo amico/a autistico/a

Se hai molti amici con cui chiaccherare, mangiare,… a volte prenditi un po’ di tempo per stare con il tuo amico/a, in modo che non pensi di non essere all’altezza oppure che tu non la stia apprezzando. Questo aumenterà la sua autostima. Se sarai pronto a consacrargli del tempo, il tuo amico/a resterà piacevolmente sorpreso; le persone autistiche non sono abituate a persone che vogliono stare con loro insieme agli altri.

(Nell’adolescenza in particolare, avere un amico neurotipico puo’ essere di grande aiuto per imparare a socializzare. Tu puoi essere una porta per altre amicizie e puoi aiutare il tuo amico/a autistico/a nella comprensione dei codici sociali. Queste acquisizioni saranno molto utili per lui/lei nella vita futura. Per un adolescente è fondamentale avere un amico fidato per sostenere in sicurezza l’apprendimento della vita sentimentale e sessuale).

7) Incoraggiare

Sdrammatizzare i fallimenti e valorizzare gli sforzi. Una persona Asperger di solito ha una bassa autostima. Se la incoraggi si sentirà rilassata e a suo agio con te. La sua autostima aumenterà e il tuo amico/a vorrà vederti spesso.

8) Perdonare la goffaggine

Una persona autistica puo’ dare l’impressione di aggredire il suo interlocutore (con l’intonazione della sua voce), fare figuracce, essere troppo appiccicoso , sedersi troppo vicino, parlare troppo, … in questi casi è necessario sminuire e semplicemente fare notare alla persona che questi comportamenti non sono appropriati alla situazione e spiegare come correggerli. Non giudicare il tuo amico/a e non mostrare impazienza di fronte alla ripetizione di questi comportamenti, l’adattamento a volte richiede tempo.

9) Evitare il sarcasmo e l’ironia

Un Asperger ha difficoltà a capire l’umorismo e potrebbe credere che le osservazioni siano rivolte contro lui/lei. Non prendere in giro il tuo amico/a se non capisce uno scherzo, prenditi il tempo di spiegarglielo. Non fare umorismo sugli autistici e sulle loro difficoltà. (Alcune persone autistiche hanno problemi a comprendere l’ironia, altri invece, capiscono e gestiscono perfettamente l’umorismo e il sarcasmo. Questo fa parte dell’apprendimento. Ma la cosa piu’ importante è mai prenderlo in giro. L’umorismo nei confronti delle persone è irrispettoso) .

10) Lasciare che il tuo amico/a parli dei suoi interessi ristretti

Gli Asperger hanno degli interessi ristretti intensi e talvolta molto specifici o eccentrici. Amano parlarne. Ascolta il tuo amico/a che ne parla di tanto in tanto, sarà un piacere condividerlo con te. Se lui/lei parla davvero troppo, puoi dirgli che vorresti parlare di qulacos’altro. Il tuo amico/a capirà. Non commettere l’errore di allontanarti dal tuo amico/a a causa di cio’, senza spiegargli il perchè.

11) Sii onesto con il tuo amico/a

Le persone con autismo sono reputate per la loro lealtà e affidabilità. Se c’e’ una cosa che non sopportano è la bugia. Se sono fiduciosi, gli Asperger accetteranno di discuterne solo se il soggetto è pertinente e supportato concretamente. Non gli piace essere contraddetti senza logica o senza obbiettività, cio’puo’ creare un sentimento di confusione. Digli sempre la verità, anche se potrebbe sembrare offensiva (in questo caso, cerca di formularla cortesemente, senza esagerare e andare dritto al punto).

12) Dire cio’ che si sente con parole precise

Gli Asperger hanno difficoltà a leggere le espressioni dei volti, a indovinare cosa prova l’altra persona e quindi a sapere come reagire di fronte a certe situazioni. Esprimi cio’ che senti esattamente: “Sono triste /angosciato-a /… “ e verbalizza concretamente i tuoi bisogni. Ad esempio: “Ho bisogno che tu faccia questo”, piuttosto che “ho bisogno che tu mi aiuti” che è troppo vaga.

13) Non cambiare idea all’ultimo minuto

Cambiare cio’ che è stato programmato all’ultimo minuto e il modo migliore per aumentare l’ansia del tuo amico/a o farlo arrabbiare. In alcuni casi questo puo’ portare anche ad attacchi di panico. Lascia che il tuo amico/a segua le sue abitudini quando lo inviti a casa tua, non cambiare cio’ che è stato pianificato e se proprio non si puo’ evitare dillo al tuo amico/a con largo anticipo.

(La pianificazione e l’anticipazione aiutano a ridurre lo stress e l’ansia causati dalle attività sociali. Va tenuto presente che l’ambiente è un fattore di stress enorme, alune persone autistiche soffrono anche di ansia sociale che rende le loro interazioni complicate e talvolta impossibili anche con un minimo di preparazione.

Cambiare un programma, un impegno, una routine puo’ dare la sensazione di un crollo, perdendo tutto o parte del controllo. E’ molto importante tenerne conto. Sebbene alcune persone con autismo siano meno rigide di altre, riguardo alle loro abitudini. Non presentarti senza preavviso, prenditi la briga di avvisare il tuo amico/a tramite messaggio o telefono prima di fargli visita. E aspetta di avere la sua approvazione prima di recarti a casa sua).

14) Esprimere chiaramente le richieste

Gli Asperger hanno bisogno di precisione nelle parole. Ad esempio invece di dire “ Sii meno appiccicoso “ puoi formulare la frase in questo modo “ Mi piacerebbe che ci parlassimo ogni 3 giorni al massimo “

15) Evitare l’ambiguità nella relazione

Se vuoi avere una relazione romantica con un Asperger, assicurati di verbalizzare le tue aspettative in modo concreto. Il linguaggio non verbale e i complimenti sono sottigliezze che sfuggono agli Aspie. Le tue parole o il tuo comportamento potrebbero essere scambiate per una semplice amicizia oppure educazione. Se ti piace un Asperger, diglielo. Alcune persone Asperger non osano dire di no. Assicurati che il suo consenso sia reale.

16) Dimostrare obbiettività

Gli Asperger sono piu’ analitici dei neurotipici e quindi, in generale non hanno pregiudizi (razzismo, sessismo, omofobia…). Spiega la tua opinione personale , ma non rendere cio’ che dici una verità assoluta, gli Aspie vanno d’accordo piu’ facilmente con persone che mostrano obbiettività.

Non dimenticate che ogni persona è diversa, l’autismo è uno spettro e le sue esigenze/aspettative possono essere differenti. Non esitate a discutere con il vostro amico/a per definire insieme come costruire la vostra relazione.

Tradotto e riadattato da Mondo Aspie, fonte : avatypique.wordpress.com

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *