1° congresso Aira: “The Autism Challenge: from research to individualized practice”

Il 3 e 4 dicembre 2015 si terrà a Roma il I° Congresso Nazionale dell’Associazione Italiana Ricerca Autismo (AIRA) The Autism Challenge: from research to individualized practice (Consiglio Nazionale delle Ricerche, Aula Convegni, Piazzale Aldo Moro 4, entrata angolo Via dei Marrucini).

Questo il comunicato stampa:

​ In un periodo storico caratterizzato da una notevole eterogeneità di approcci sia diagnostici che terapeutici diventa cruciale nel nostro paese definire quelle che sono le buone prassi basate sull’evidenza scientifica. Nell’interesse dei pazienti e delle famiglie non può esistere altro approccio se non quello del rigore scientifico nel campo della ricerca e di approcci terapeutici che si rifanno alla linea guida nazionale emanata qualche anno addietro dall’Istituto Superiore di Sanità. Non sono affidabili ricerche che non tengono conto di metodologie serie e rigorose con risultati pubblicati su autorevoli riviste internazionali o terapeuti che continuano a proporre approcci riabilitativi al momento senza nessuna dimostrata efficacia scientifica.Il crescente interesse mediatico ed economico che ha avuto l’autismo negli ultimi anni, accompagnato purtroppo da un avanzamento della ricerca, che solo in parte, ha soddisfatto le attese delle famiglie, impone un ulteriore sforzo di serietà intellettuale e di rigore evitando inutili polemiche o attacchi alle poche evidenze attualmente a disposizione della comunità.
Sicuramente lo spettro clinico molto ampio ed eterogeneo esige una maggiore riflessione sulla necessità di studiare diversi sottogruppi diagnostici al fine di individuare le cause del disturbo e altresì implementare approcci terapeutici il più possibile individualizzati.
Infine, è necessario riportare al centro della discussione scientifica i medici e i ricercatori e deresponsabilizzare le famiglie che per necessità e per mancanza di riferimenti sanitari affidabili in passato sono state costrette a crearsi veri e propri network sociali per orientarsi nei percorsi diagnostici e terapeutici. In tal senso è obbligo di noi professionisti investire sulla formazione fornendo ai giovani medici, psicologi e terapeuti tutti gli adeguati supporti informativi per una crescita seria e responsabile nella loro lavoro.
Il congresso del 3-4 Dicembre di AIRA si pone proprio quest’obiettivo: un confronto tra ricercatori sulle linee di evidenza e la possibilità di fornire al pubblico incipit professionali per una crescita rigorosa.
Ambizione di AIRA, sul modello di altri associazioni e fondazioni dedite ad altre problematiche cliniche, è quello di finanziare l’attività scientifica in particolare per i giovani under 40 che costituiscono la reale speranza per il futuro della clinica e della ricerca. E’ proprio per questo che come primo passo il 4 Dicembre verrà consegnato al miglior contributo scientifico un premio in denaro intitolato alla memoria della ricercatrice Lia Vassena.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *