Autismo e autonomie personali

Guida per educatori, insegnanti e genitori

Book Cover: Autismo e autonomie personali
Editions:Paperback (Italian): € 16,65
ISBN: 978-88-590-0009-9
Pages: 208

Per le persone con autismo raggiungere l’autonomia è una condizione spesso preclusa.
Il fatto che vi siano difficoltà comunicative, cognitive e motorie, e a volte l’impossibilità di esprimere delle scelte e di effettuare attività in autonomia, può spingere chi si occupa di loro a sostituirsi a loro nelle scelte. Insegnare a «fare da soli» significa riconoscere e riconsegnare dignità umana a una persona con difficoltà.
Questa guida rappresenta un sostegno concreto ai genitori, agli educatori e, in generale, ai caregiver che desiderano affrontare un percorso di educazione all’autonomia con persone con autismo. Spiega come valutare le abilità di autonomia, quali sono i prerequisiti necessari (attentivi, motori, cognitivi), come progettare l’intervento educativo, quali sono gli ambiti di intervento e i problemi specifici da affrontare.
Il testo si conclude con una bibliografia che vuole essere un aiuto pratico all’educatore, in quanto costituita da testi in lingua italiana, facilmente reperibili.

di Flavia Caretto, Gabriella Dibattista, Bruna Scalese (Eriksons, 2012)
Formato:

Published:
Genres:
Tags:
Reviews:Vanda Berti, medico, volontaria ANGSA ha scritto:

Nel panorama dell'editoria molti sono i libri, le istruzioni per l'uso, i testi didattici, i racconti autobiografici proposti agli educatori e ai genitori di bambini con disturbi dello spettro autistico.
Questo libro si aggiunge alla corposa fila ma, rispetto ad altri, ha un programma di insegnamento lineare e piano; un percorso di studio e di comportamento nell'acquisizione dei diversi step per giungere, come obiettivo finale, all'apprendimento delle autonomie nelle azioni della vita quotidiana.
Il testo è suddiviso in vari capitoli che esaminano, con chiarezza e competenza, le fasi per arrivare all'obiettivo finale: l'autonomia.
In esso vengono esaminati il confronto con i metodi di acquisizione del bambino neurotipico, il comportamento dei caregiver, le condizioni di vita per svolgere al meglio un programma di approccio cognitivo-comportamentale, le esperienze effettuate in altri Paesi nell'ambito dei disturbi dello spettro autistico.
Si parte della definizione di cosa s'intende per autonomie di base, il tutto corredato da tabelle chiare ed esplicative, per arrivare a comprendere le motivazioni al lavoro sull'autonomia, spinte fondamentali che devono sostenere tutti gli operatori e i famigliari che operano col bambino.
In maniera estremamente esemplificativa ed analitica si elencano quali devono essere considerati i prerequisiti per programmare l'intervento sulle autonomie e, per una migliore definizione degli stessi, non mancano i riferimenti bibliografici e i libri consigliati a tale scopo.
La progettazione di un intervento è un percorso delicato, esaminato nelle varie fasi con esempi pratici, utili e illustrativi della materia in oggetto, particolare questo utile per i genitori ed operatori, che in esso vedono rispecchiate molte situazioni o problemi a loro noti e di difficile gestione.
Tutto questo rende il libro istruttivo e didattico, accessibile e di facile consultazione, senza che nulla venga trascurato. Al termine di ogni capitolo la sintesi aiuta a ricapitolare le azioni descritte ed a proporre una scaletta riassuntiva degli interventi.
È risaputo che, nonostante le migliori programmazioni, sempre sorgono problematiche in corso d'opera. Per questo motivo le autrici hanno inserito un capitolo dove vengono trattati i problemi generali che possono insorgere nell'insegnamento delle autonomie.
Nulla viene trascurato neanche in questo nutrito capitolo. Gli esempi sono chiari e realistici. Vengono spiegate le paure, i comportamenti-problema, il fallimento dell'intervento, con proposte alternative all'approcio per operatori e genitori, e in questo sta il valore vero, l'aiuto che il libro può fornire.
Il testo termina con le aree di intervento ed i problemi specifici nelle autonomie di base: mangiare, bere, dormire e utilizzare i servizi igienici.
Dal testo si evince che gli educatori, partendo da una attenta valutazione, e avvalendosi delle strategie cognitivo-compotamentali, possono giungere, attraverso un lavoro metodico, che nulla lascia al caso, al traguardo più ambito: l'autonomia dell’educando.
Si consiglia caldamente il libro, colorato nella veste grafica, con un'espressiva immagine di copertina, corredato da numerose fotografie. Il libro non è solo un testo da leggere, ma un manuale da consultare per problemi e difficoltà nel momento in cui questi si presentano


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *