Cosa vogliamo

Dal 1985 difendiamo i diritti delle persone con autismo e delle loro famiglie. Per anni ci siamo battuti per far emergere nella società italiana la consapevolezza sui Disturbi dello spettro autistico e sull’importanza di adottare un approccio fondato sulle più avanzate conoscenze scientifiche per comprende e affrontare questa disabilità. Oggi siamo sempre più impegnati a vederne garantiti diritti in questi ambiti:

Diagnosi precoce

autismo-aeroporto.jpg
La diagnosi precoce è importante perché consente di fare interventi tanto più efficaci quanto maggiore è la plasticità del cervello nei primi anni di vita.
Rete pediatria-neuropsichiatria infantile per la diagnosi precoce
Anche grazie alle pressioni dell’Angsa si sta sviluppando una Rete pediatria-neuropsichiatria infantile per la diagnosi precoce dei disturbi del neurosviluppo. Leggi la notizia sul convegno di lancio della Rete pediatria-neuropsichiatria infantile per la diagnosi precoce.

Educazione speciale e Interventi abilitativi

tecniche-aba.png
La Linea guida n. 21 spiega come le strategie di educazione speciale mediate dai genitori e basate sull’Analisi Applicata del Comportamento possono dare buoni risultati per migliorare la qualità di vita delle persone con autismo e delle loro famiglie.
L’Angsa si batte ogni giorno per veder garantito il diritto a tutte le persone con autismo dei trattamenti ritenuti più efficaci dalla ricerca internazionale
Linea guida n. 21
Per approfondire consulta la Linea guida n. 21 Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti dell’Istituto Superiore di Sanità e la più sintetica versione per il pubblico, in questo documento sono indicati i trattamenti più efficaci e aggiornati sorretti da prove di efficacia (evidence-based) nella letteratura scientifica mondiale.

Inclusione scolastica

mensa-centro-estivo-kirikù-salsomaggiore-parma.jpg
L'inclusione scolastica delle persone con autismo può essere realizzata solo tramite un intervento competente e costante, attraverso un piano individualizzato e il legame con gli altri interventi sociali e sanitari così come previsto dalle normative che purtroppo non sempre sono rispettate.

Intervento socio-sanitario

Fondazione-Marino-Locanda-1.jpeg
Le persone con autismo necessitano di una presa in carico di tipo sociosanitario “ad elevata integrazione”, così come descritto nei Livelli essenziali di Assistenza (LEA) recentemente approvati anche grazie all’impegno dell’ANGSA.
Piena attuazione delle Linee di Indirizzo per l’Autismo
E’ stato appena approvato l’Aggiornamento delle linee di indirizzo per la promozione ed il miglioramento della qualità e dell’appropriatezza degli interventi assistenziali nei disturbi dello spettro autistico, così come previsto dalla Legge 134/15 (Disposizioni in materia di diagnosi, cura e abilitazione delle persone con disturbi dello spettro autistico e di assistenza alle famiglie) e a seguito della pubblicazione, lo scorso anno, dei nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza). Leggi il comunicato congiunto delle Associazioni riunite nel Coordinamento Autismo della FISH (ANGSA, ANFFAS e Gruppo Asperger), impegnate in questi mesi nell’elaborazione del documento.
Le prestazioni di assistenza, cura e abilitazione sono a totale carico del Servizio sanitario nazionale e senza interruzione di continuità. I comuni, d'intesa con le Aziende/unità sanitarie locali, su richiesta predispongono, un progetto individuale relativo alla assistenza e alla promozione della sua inclusione nei vari contesti di vita. (Legge 328/2000).

Centri specialistici e inserimento lavorativo

modelloumbroexpo.jpg
Le Linee di indirizzo sui Disturbi dello spettro autistico già nel 2012 indicavano la necessità di realizzare, in ogni territorio, di centri specialistici per l’autismo e di “di idonee soluzioni residenziali e semiresidenziali” improntati a “logiche non istituzionalizzanti” e che garantiscano prestazioni ad alta integrazione sociosanitaria.
Spettro autistico in età adulta
Leggi il “documento di posizione” (Position statement) relativo allo spettro autistico in età adulta e la lettera di presentazione “I bisogni delle persone maggiorenni con autismo espressi dalle associazioni a Tutela dei diritti delle persone con autismo” di Angsa e Gruppo Asperger.
Siamo certi che la maggioranza delle famiglie vedrebbe con favore l'uscita del proprio figlio maggiorenne dal nucleo famigliare, se i Servizi dessero le opportune garanzie di competenza, attenzione alla persona, continuum abilitativo, assistenza e il massimo dell’autonomia possibile. Angsa e Gruppo Asperger, Lettera di presentazione

Dopo di noi

Santiago050.jpg
Le famiglie delle persone con autismo, a causa delle specifiche difficoltà dei loro figli vivono la prospettiva del futuro con particolare angoscia.
Il diritto ad un progetto di vita indipendente

La legge 112 del 2016 è una prima risposta agli incubi di noi genitori, prevedendo una serie di interventi per garantire i diritti e il sostegno alle persone con autismo quando gli stessi o i loro genitori non siano “in grado di fornire l’adeguato sostegno genitoriale, nonché in vista del venir meno del sostegno familiare” (art. 2). Tra questi c’è il parziale finanziamento di percorsi di accoglienza in strutture piccole (massimo 5 posti) e con caratteristiche di tipo famigliare. Purtroppo l’attuazione di questa norma è attribuita alle Regioni che spesso ignorano questa opportunità. Angsa vigila sulla piena e uniforme attenzione della legge su tutto territorio italiano.

Assicurando che le persone con disabilità abbiano la possibilità di scegliere, su base di uguaglianza con gli altri, il proprio luogo di residenza e dove e con chi vivere e non siano obbligate a vivere in una particolare sistemazione La convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, articolo 19, lettera a (Legge 18/2009).
Le regioni e le province autonome (..) adottano misure idonee al conseguimento dei seguenti obiettivi: (..) g) la disponibilità sul territorio di strutture semiresidenziali e residenziali accreditate, pubbliche e private, con competenze specifiche sui disturbi dello spettro autistico in grado di effettuare la presa in carico di soggetti minori, adolescenti e adulti; Legge 18 agosto 2015, n. 134
"Disposizioni in materia di diagnosi, cura e abilitazione delle persone con disturbi dello spettro autistico e di assistenza alle famiglie"

.

Foto