Imitare per crescere

Nello sviluppo infantile e nel bambino con autismo

Imitare per crescere. Nello sviluppo infantile e nel bambino con autismo di Jacqueline Nadel.
Giovanni Fioriti Editore (2016)

Published:
Genres:

Intervento precoce per bambini con autismo

un manuale per genitori e specialisti

 

Maurice C., Green G. & Luce S. C. (2005) Intervento precoce per bambini con autismo: un manuale per genitori e specialisti. Junior: Azzano S. Paolo (BG)

Fino a poco tempo fa l’autismo era considerato una condizione senza speranza e incurabile; oggi, secondo i dati provenienti dalla ricerca, l’intervento comportamentale, iniziato quando il bambino ha un’età compresa fra i 2 e i 5 anni, può avere un impatto positivo, significativo e duraturo.

 

 

Published:
Genres:

Gioco e interazione sociale nell’autismo

Xaiz C. & Micheli E. (2001) Gioco e interazione sociale nell'autismo. Erickson: Trento

Questo lavoro è una raccolta di attività pratiche per insegnare a giocare e a rapportarsi con un bambino con difficoltà nella interazione sociale, nella comunicazione e nella capacità di estendere e variare interessi e attività. Queste attività sono particolarmente necessarie per un bambino con disturbo generalizzato dello sviluppo, autismo, oppure con altri disturbi come il ritardo mentale o le disabilità motorie e sensoriali che comportano limitazioni e difficoltà anche nella socialità e nella comunicazione. Nel tentativo di comprendere queste difficoltà, le ricerche hanno dapprima considerato come primario il deficit sociale, poi quello del linguaggio, quindi è emerso il ruolo dei deficit cognitivi. La scoperta dell'importanza dei componenti base dell'intersoggettività come l'imitazione, l'attenzione cognitiva, lo scambio di turni nello sviluppo della capacità di interazioni sociali reciproche ha richiamato di nuovo l'attenzione sul ruolo della difficoltà sociale. Questo lavoro, centrato sulle difficoltà interpersonali nell'autismo e nei disturbi simili, si basa sulla convinzione che le tre aree di deficit si compenetrano l'una nell'altra in modo circolare. Scopo del lavoro è suggerire idee, specialmente appropriate per i bambini in età tra i due e i dieci anni, per favorire lo sviluppo di abilità nell'area delle relazioni all'interno di una cornice serena di alleanza con il bambino in difficoltà. Il libro nasce da molti anni di diretta esperienza di trattamento ed educazione di bambini in collaborazione con i loro genitori. Riuscire a entrare in contatto con il proprio bambino è la più sentita necessità quando comunicare è difficile, se non impossibile; questo soprattutto quando la vita con il bambino comporta problemi di comportamento, fatica fisica, attività sociali seriamente limitate. Insegnanti, genitori e terapisti potranno trovare nel libro idee per realizzare giochi che, opportunamente coordinati e programmati all'interno di una chiara struttura e collegati agli interventi in altre aree, aiuteranno adulti e bambini a sviluppare capacità di interazione sociale.

Published:
Publisher: Erickson
Genres:
Tags:

Un intervento precoce per il tuo bambino con autismo

come utilizzare l’Early Start Denver Model in famiglia

Rogers S., Dawson G. & Vismara L.A. (2012, it.2015) Un intervento precoce per il tuo bambino con autismo: come utilizzare l’Early Start Denver Model in famiglia. Hogrefe: Firenze

Chi si occupa di un bambino con autismo deve aiutare il genitore a capirne i bisogni speciali e far sì che possa usufruire di "interazioni terapeutiche" quando è fuori della stanza di terapia. Questo bisogno di allargare la terapia alla vita quotidiana del bambino è ciò che ha motivato Sally Rogers e Geraldine Dawson a scrivere questo volume operativo, nel quale l’Early Start Denver Model è reso trasferibile ai genitori. Tutte le indicazioni presenti in questo libro sono calate nella realtà della vita quotidiana di un genitore alle prese con un bambino che non sviluppa e non impara spontaneamente quelle abilità che nello sviluppo tipico emergono autonomamente.

Le ricerche più recenti, infatti, rivelano come i genitori possano giocare un ruolo importantissimo nell’aiutare bambini molto piccoli, o comunque in età prescolare, e con Disturbi dello Spettro Autistico (ASD), a entrare in relazione con gli altri e liberare il loro potenziale. Questa guida incoraggiante, realizzata dalle studiose che hanno sviluppato un programma innovativo di intervento precoce, presenta strategie fattibili e pratiche che il genitore può utilizzare quotidianamente, partendo il prima possibile con attività che possono aprire nuove opportunità per il bambino e la sua famiglia.

Le autrici sanno bene che quasi tutti i bambini piccoli – compresi quelli con ASD – hanno una straordinaria capacità di apprendimento. Questo libro rende sorprendentemente semplice trasformare la routine quotidiana in esperienze di apprendimento focalizzate sulle abilità di sviluppo fondamentali. Esempi, presi dalla realtà del lavoro delle autrici con i genitori, illustrano efficacemente e passo passo come fornire sostegno al bambino con ASD per:

  • prestare attenzione ai volti, le voci e alle azioni delle altre persone
  • imitare cosa gli altri fanno (aspetto cruciale dell’apprendimento)
  • divertirsi impegnandosi in giochi sociali
  • usare il proprio corpo e la voce per comunicare
  • divertirsi con giocattoli e attività le più varie
  • ridurre i comportamenti che interferiscono con l’apprendimento.

Il libro insegna come mettere in atto queste tecniche durante le interazioni quotidiane con il bambino, giocando insieme a lui, cambiandolo, vestendolo, lavandolo, dandogli da mangiare, portandolo a passeggio, giocando insieme con i libri, senza che questo richieda al genitore una formazione specifica o ore extra rispetto a quello che già fa. L’approccio presentato ha evidenza scientifica ed è compatibile con ogni trattamento o intervento precoce che il bambino stia ricevendo da un servizio di neuropsichiatria infantile.

Costruendo sulla relazione di amore e accudimento che il genitore, in quanto tale, mette già in atto, questi può dare al proprio bambino con ASD i mezzi per esplorare e godere del mondo. Il libro mostra come.

Published:
Genres:
Tags:

Early Start Denver Model: intervento precoce per l’autismo

Book Cover: Early Start Denver Model: intervento precoce per l’autismo
Editions:Paperback (Italian): € 38,00
ISBN: 978-8872415702
Size: 24,00 x 17,00 cm
Pages: 320

Grazie al miglioramento nelle tecniche di diagnosi e identificazione, l'autismo viene diagnosticato in bambini sempre più piccoli. Tuttavia, la diagnosi non serve a nulla se ad essa non fa seguito un intervento adeguato e tempestivo.

L'Early Start Denver Model è un programma di intervento cucito su misura per le esigenze e le caratteristiche dei bambini in età prescolare, mirato a promuovere lo sviluppo delle abilità sociali, comunicative e di apprendimento già a partire dal secondo anno di vita.

Rigorosamente basato su principi scientifici e prove empiriche di efficacia, questo modello può essere applicato da chiunque: genitori, insegnanti, educatori, e chiunque abbia a cuore lo sviluppo, l'educazione e la qualità di vita dei bambini con autismo.

Il manuale è corredato da una originale Checklist, commentata nel volume (Appendice A) ma riprodotta a parte, da usare per la valutazione personale di ogni bambino.

Geraldine Dawson è Direttore Scientifico di Autism Speaks, Professore di Psichiatria presso la University of North Carolinaat Chapter Hill e dirige l’Autism Center della University of Washington. È un’esperta di autismo riconosciuta a livello internazionale, con particolare riguardo all’individuazionee al trattamento precoce, alle tecniche di neuroimaging e agli studi genetici.

Rogers S. & Dawson G. (2010) Early Start Denver Model: intervento precoce per l’autismo. Omega: Torino

Edizione italiana a cura di Giacomo Vivanti

Published:
Publisher: Omega Edizioni
Genres:
Tags:
Reviews:Daniela Mariani Cerati ha scritto:

La traduzione italiana di questo manuale era molto attesa.
Si tratta del manuale che spiega nei dettagli l’approccio usato nel trattamento di bambini piccolissimi, fra i 18 e i 30 mesi di età, che ha portato, dopo due anni di trattamento, a miglioramenti significativamente superiori rispetto al gruppo di controllo.
E’ un metodo complesso al quale è stato dato il nome di “Early Start Denver Model, ESDM, Modello Denver ad inizio precoce”
Da molti anni l’esperienza dice che il trattamento intensivo, precoce e strutturato dei bambini con autismo porta a miglioramenti significativi in molte aree dello sviluppo, ma le sperimentazioni sino ad ora condotte non soddisfacevano ai dettami della “Evidence Based Practice” (EBP).
Quando manca la base della EBP, si rischia di arrivare ad una pratica clinica qualunquista “Dal momento che nulla ha una buona base sperimentale, allora va bene tutto e il contrario di tutto”
Dopo la pubblicazione dei risultati della sperimentazione dell’ESDMi, questa affermazione non è più possibile.
Esiste una base di evidence per cui diventa non etico negare ai bambini con diagnosi di spettro autistico ciò che si è dimostrato efficace.
E dunque, per favorire la conoscenza del metodo da parte di tutti gli attori coinvolti, primi fra tutti i genitori, è necessario conoscere bene cosa è stato fatto. Questo è possibile solo se si ha a disposizione un manuale preciso e dettagliato tradotto nella propria lingua.
La popolazione a cui l’ESDM si rivolge è quella dei bambini con diagnosi di disturbi dello spettro autistico di età che all’inizio del trattamento va dai 18 ai 30 mesi.
I risultati, che hanno portato ad un miglioramento in ambito cognitivo, adattivo, comunicativo e sociale, sono stati documentati dopo due anni.
I principi ispiratori sono quelli dello sviluppo e dell’analisi applicata del comportamento ( in inglese Applied Behaviour Analysis, ABA).
Sino ad ora i due approcci venivano presentati in contrasto l’uno con l’altro, mentre gli sviluppi più recenti dell’ABA l’avvicinano sempre più all’approccio basato sullo sviluppo, inteso come sequenza delle abilità che i bambini a sviluppo regolare acquisiscono spontaneamente nella prima infanzia, a cui ci si deve sempre riferire nel trattamento di bambini con ritardi o deviazioni dello sviluppo psicologico.
Requisiti fondamentali dell’ESDM sono l’intensità e la comprensività, intesa come trattamento rivolto a tutti i settori dello sviluppo e non solo a quelli tipicamente deficitari nell’autismo.
L’intensità riguarda il numero di ore settimanali: 20 ore somministrate da professionisti in rapporto uno a uno e il resto praticato dai genitori nella vita quotidiana, in particolare nel momento dei pasti, del bagnetto e del gioco.
Le aree dello sviluppo che vengono trattate sono: la comunicazione ricettiva ed espressiva, le abilità sociali, l’imitazione, la cognizione, il gioco, la motricità fine e grossolana, il comportamento, l’autonomia nel mangiare, nel vestirsi, nel lavarsi e nel fare alcuni lavoretti di casa.
Quest’ultimo punto fa sorridere trattandosi di bambini dai due ai quattro anni, ma anche per questo settore, come per gli altri, esistono i diversi livelli di complessità come per le altre aree. Parliamo di bambini dai due ai quattro anni, che devono imparare, al livello 1, a mettere i vestiti sporchi nel cesto della biancheria e a buttare i fazzoletti sporchi nel cestino; al livello 2 a togliere le posate dalla lavastoviglie e metterle nel cassetto ciascuna al suo posto e, al livello 3, a dare da mangiare e da bere al cagnolino.
Molto spazio viene dedicato alla valutazione, che dev’essere costante e rigorosa in quanto deve guidare la programmazione, che deve porsi obiettivi sempre più alti se la valutazione mostra che quelli precedenti sono stati raggiunti e, viceversa, deve fare ripensare e cambiare il programma e la strategia se la valutazione indica che gli obiettivi prefissati non sono stati raggiunti.
Una parte importantissima ha il gioco, il piacere che il bambino deve provare nell’interazione con l’adulto e con i coetanei.
Nella lettura del manuale si ritrovano tante modalità di interazione famigliari a coloro che hanno a che fare con questi bambini. La lettura del manuale per molti è la conferma che già sono sulla buona strada. I messaggi forti comunque sono: che l’intervento deve iniziare molto precocemente; che non bastano poche ore settimanali, ma che i principi dell’ESDM devono informare buona parte delle ore di veglia del bambino; che il coinvolgimento e il training dei genitori è fondamentale; che non bisogna trattare solo le abilità tipicamente carenti nell’autismo, ma tutte le aree dello sviluppo.
Il curatore dell’edizione italiana, Giacomo Vivanti, che ora è in Australia, chiamato dal governo per insegnare l’ESDM, ha messo in guardia contro un uso approssimativo del metodo.
Il metodo va studiato in modo approfondito e applicato in modo rigoroso, senza sconti o approssimazioni.
E con la pubblicazione su Pediatrics dell’articolo Randomized, Controlled Trial of an Intervention for Toddlers With Autism: The Early Start Denver Model, anche nel campo dell’autismo la “Evidence Based Medicine” ha iniziato a fare i primi passi.
La medicina non è fatta solo di farmaci. Anche la riabilitazione, che qui meglio si definisce abilitazione, fa parte integrante della medicina.
Se poi, si spera presto, verranno anche dei farmaci a rendere meno faticoso il lavoro degli educatori, tutti ne saranno molto contenti, comprese Geraldine Dawson e Sally Rogers.


Potrebbero interessarti anche...