Maltrattamenti subiti da giovani con autismo

blogdiattualita_33ce74108ed0a608fc5ed20c6c1e17ab-700x357Comunicato stampa del 16/7/2014
Siamo alle solite: maltrattamenti e sequestro di persona. Con queste pesanti accuse sono stati arrestati dai carabinieri di San Benedetto del Tronto, cinque educatori in servizio nel Centro socio-riabilitativo per giovani disabili « (AP) gestito dal Comune attraverso una cooperativa esterna. Il centro ospita persone affette da autismo di età compresa dagli 8 ai 20 anni ed è stata sequestrata una cosiddetta «stanza di contenimento» buia e stretta, dove i ragazzi venivano denudati e rinchiusi, e per rispetto della loro dignità tralascerò di ripetere quanto avveniva all’interno. Stiamo parlando di giovani con autismo estremamente severo, dato che si parla di ricoveri , anche a tempo parziale, per ragazzini ancora in età scolastica. Tuttavia hanno spiegato il PM e i carabinieri nel corso di una conferenza stampa, nei disabili c’era una «totale assenza di comportamenti violenti o di azioni che giustificassero il loro “contenimento”, all’interno di quell’ambiente, usato come strumento per reprimere e punire la “vivacità” dei ragazzi». La notizia è agghiacciante, anche perché questa era una struttura modello: struttura del Comune, con gestione a una cooperativa, di piccole dimensioni (12 ospiti dagli 8 ai 20 anni) con carta dei servizi visibile su internet, nata con ottimi propositi e buone scelte educative-riabilitative. Come si può, con queste buone premesse, arrivare a situazioni di tale gravità? Come è possibile evitare o prevenire queste aberrazioni? Una ricetta sicura non c’è, ma qualche osservazione la possiamo fare.

 

Liana Baroni

Liana Baroni

Consiglio direttivo ANGSA

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *